img_7744
In: Simboli Siciliani

La trinacria, un simbolo misterioso e antico che per molti secoli ha attratto a sé le attenzioni di molti studiosi, ma da dove nasce questa figura che da millenni viene associata alla nostra isola?
Essa rappresenta un legame indissolubile tra storia e mitologia che prende inizio in Oriente e arriva da noi con i greci. Questi, stupiti dalla particolare forma della Sicilia, che a differenza delle altre isole non era rotonda, associarono alla nostra terra questo simbolo, ponendo al centro delle tre gambe il viso di una gorgone, figura mitologica associata alle perversioni. Alla testa della creatura, probabilmente Medusa (la più famosa delle tre sorelle e anche unica mortale), vennero aggiunte, in epoca romana, delle spighe per indicare la fertilità e il clima molto favorevole all’agricoltura presente nell’isola.
Ma per capire il perché di questo simbolo bisogna andare ancora più indietro nella mitologia greca. Le tre gambe, infatti, simboleggiano i tre promontori ai vertici della Sicilia (Lilibeo, Passero e Peloro). Questi, secondo i racconti, sarebbero sorti grazie a tre ninfe: “Queste tre splendide creature vagavano danzando per il mondo prelevando manciate di terra, piccoli sassi e frutti dalle aree più fertili. Ad un certo punto si fermarono in una regione del Globo che aveva un cielo particolarmente limpido ed azzurro. Lì la danza si fece più elegante, gioiosa e fra un passo e l’altro le tre ninfe gettarono in mare tutto quello che avevano raccolto per il mondo. Il mare si illuminò come un arcobaleno e dalle onde emerse una terra tutta nuova, ricca, profumata, splendente. Aveva la forma di un triangolo in quanto riempì lo spazio fra i promontori che si erano creati proprio lì dove le tre ninfe, danzando, avevano gettato tutto il loro ricco carico.”
Ecco nata la Sicilia, terra di sole e mare, generosa e accogliente, da sempre amata da tutti e ammirata per il suo clima. Ecco spiegata l’origine della trinacria, simbolo inevitabilmente legato all’isola e che da sempre la unisce alla storia e alla mitologia dei nostri predecessori, ecco spiegata l’essenza dei nostri gioielli.